Cookies

Sapori americani… Dopo i brownies, continuo la mia produzione di dolci made in U.S.A. con i classici cookies! Non trovando più sugli scaffali la mia combinazione di ingredienti preferita (cioccolato fondente e nocciole), ho deciso che li devo sfornare con più regolarità… Sono più semplici di quel che si possa pensare: la fase che occupa più tempo è la suddivisione dell’impasto.

Io utilizzo questa ricetta da Semplice & Veloce, aggiustandola a mio gusto per quanto riguarda burro e zucchero. Non utilizzo le gocce di cioccolato, ma spezzetto la tavoletta in maniera disomogenea per avere lo stesso effetto variegato. Con le dosi indicate si ottengono circa 20-25 biscotti, che si possono conservare in una scatola di latta per almeno una settimana (se non siete troppo golosi).

NS_cookies_al_cioccolato

Per vedere gli altri dolci che preparo, potete tornare sulla pagina Assaggi 🙂

Annunci

Brownies

Il mito dell’America passa dalla cucina. I brownies, i quadrotti di cioccolato dalla crosticina croccante che si scioglie sotto i denti, sono dolcetti sostanziosi e irresistibili: se è vero che sono nati negli Stati Uniti (con immancabile fioritura di leggende su come siano stati creati), vorrei immaginare che il cacao arrivi dalle piantagioni dell’Equador, compiendo un viaggio lungo tutto il continente…

Per preparare i brownies, mi affido alle pagine di un libro dedicato al cioccolato, che propone anche ricette salate e consiglia alcune tra le migliori cioccolaterie artigianali d’Italia. Potete trovarlo ancora disponibili su vari rivenditori online: il titolo è Sapori e profumi di cioccolato (edizioni L’Ortensia Rossa, 2012). Io ho utilizzato una tavoletta di cioccolato fondente al 75% e ho diminuito la quantità di zucchero e di burro, senza aggiungere il cacao in polvere: la consistenza era perfetta, soda ma morbida, e mi ha stupito il profumo intenso e carico che si sprigionava giorno dopo giorno… finché non sono finiti!

NS_brownies

Per altri dolci sfornati dalla mia cucina, vi invito sulla pagina Assaggi.